Baia degli Angeli sempre in pista

Il leggendario club di Gabicce Mare sarà premiato  nell’ambito di Music Inside Rimini, fiera delle tecnologie audio, video, luci per concerti, spettacoli, cinema, eventi e location che si svolgerà nel Quartiere Fieristico di Rimini dal 5 al 7 maggio 2019.

Giunto alla sua quarta edizione il MiR 2019, organizzato da Italian Exhibition Group, propone   anche una serie di incontri sulla club culture e la prima edizione del Premio Dino D’Arcangelo.

Il Premio  è stato istituito in onore del giornalista esperto di musica e cultura giovanile. Dino D’Arcangelo è scomparso prematuramente nel settembre 2000. E’ stato l’ideatore e curatore della rubrica “Tenera è la notte” pubblicata su La Repubblica, quotidiano per cui ha lavorato per molti anni, in particolare all’inserto “Musica!”. “Tenera è la notte” è anche il titolo della serie di incontri,  in programma al Music Inside Rimini, sulla club culture organizzati dal giornalista Pierfrancesco Pacoda e dall’artista NicoNote.

La Baia degli Angeli si aggiudica il Premio Dino D’Arcangelo, prima edizione, per l’importanza che ha avuto nell’evoluzione del clubbing in Italia. Non solo, la Baia degli Angeli, creata da Giancarlo Tirotti nel 1975, ha rivoluzionato il mondo delle discoteche ed in particolare la figura del Disc-Jockey in Italia.

La Baia degli Angeli è la discoteca dove la figura del DJ in Italia ha potuto respirare la stessa aria dei DJ americani (addirittura Studio 54 e Paradise Garage  aprirono i battenti due anni dopo) e per questo si può sicuramente definire un club internazionale. A fare grande la Baia hanno anche contribuito il design, la grafica, il sound system e la creatività in genere. Talmente forti sono l’identità e l’immagine del club che ancora oggi, dopo oltre quaranta anni, la Baia degli Angeli è nell’anima di tutti “gli angeli” che ci sono stati magari solo per una volta (tanto bastava per rendere indelebile il ricordo e l’emozione).

A riconoscere il premio è stata una qualificata giuria composta dai giornalisti Ernesto Assante di La Repubblica e Damir Ivic, dal DJ Claudio Coccoluto, dal performer Principe Maurice, dal marketing consultant Pierluigi Pierucci e dai già citati Pierfrancesco Pacoda e NicoNote.

Il Premio sarà ritirato domenica 5 maggio dallo storico DJ Mozart, all’anagrafe Claudio Rispoli, uno dei protagonisti nella consolle-ascensore della Baia (insieme a Bob Day, Tom Sison e Daniele Baldelli). Claudio “Mozart” Rispoli è stato sempre presente in tutte le varie stagioni della Baia degli Angeli, prima come collaboratore poi come DJ resident.

Sia Giancarlo Tirotti che Claudio Rispoli e Daniele Baldelli hanno ricevuto il Disco Diva Award nelle edizioni passate del festival, a conferma della grande importanza che ha avuto la Baia degli Angeli nella storia del clubbing italiano.

“La svolta arrivò quando un amico che lavorava come cameriere mi portò un nastro registrato alla Baia degli Angeli, una discoteca più simile a un santuario che a un posto per ballare, sulla collina di Gabicce, al confine tra le Marche e la Romagna… Ero di fronte al primo, vero (forse irripetibile) fenomeno di culto: la nascita della club culture, come la intendiamo oggi.”

(Io, DJ di Claudio Coccoluto & Pierfrancesco Pacoda, Einaudi 2007, pagg. 9-10).